coronavirus coconut oil

L’olio di cocco aiuta i keraliti a combattere efficacemente il coronavirus

Immagine rappresentativaPixabay

Diverse relazioni di studi precedenti avevano dimostrato i benefici per la salute associati all’uso di olio di cocco. Ora, un rapporto di studio pubblicato sul Journal of Association of Physicians ha suggerito la capacità dell’olio di cocco nella lotta contro i microbi. Il rapporto di studio suggerisce anche i benefici dell’utilizzo dell’olio di cocco nella lotta contro il coronavirus, che attualmente sta causando il caos in tutti gli angoli del mondo.

Uso di olio di cocco tra Keralites

Nel Kerala, l’olio di cocco viene ampiamente utilizzato nella produzione di alimenti e le persone di questo stato meridionale lo applicavano anche esternamente su pelle e capelli. Il dottor Shashank Joshi, uno degli autori principali di questo rapporto di studio, ha suggerito che l’uso di olio di cocco potrebbe aiutare i keraliti a combattere efficacemente il coronavirus rispetto alle persone in altri stati dell’India.

In una recente interazione con Tempi dell’India, Shashank Joshi ha rivelato che l’olio di cocco contiene un’alta quantità di acido laurico, un acido grasso saturo che può essere facilmente sintetizzato dal corpo umano.

“Mentre COVID-19 non è stato il motivo principale per condurre questa recensione sull’olio di cocco, è un dato di fatto che i keraliti che consumano molto olio di cocco, sono riusciti anche a combattere l’epidemia di coronavirus”, ha detto Shashank Joshi.

Scettici tra le braccia

Tuttavia, diversi esperti medici non sono convinti della capacità dell’olio di cocco di combattere il coronavirus. Secondo questi scettici, ulteriori studi dovrebbero essere fatti per determinare se il corpo umano assorbirà tutti i prodotti chimici antimicrobici dall’olio di cocco.

Qualche giorno fa, Shanmuga Subramanian, un tecnico di Chennai che ha trovato i detriti sulla Vikram Lander dell’organizzazione indiana per la ricerca spaziale sulla luna, aveva sensazionalmente affermato che le foglie di neem sono in grado di rallentare la diffusione del coronavirus. Il tecnico ha anche sollecitato il governo indiano a condurre ulteriori ricerche che confermeranno il ruolo del neem nel contenere il coronavirus.

In mezzo a tutti questi dibattiti, il numero di casi di coronavirus in India è aumentato drasticamente nelle ultime settimane. Secondo le ultime statistiche, il numero di casi positivi di COVID-19 in India è salito a 699.402, mentre il bilancio delle vittime si avvicina a 20.000. In Kerala, oltre 2.700 persone stanno attualmente usufruendo del trattamento per il coronavirus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *