Trump spinge il paese ad aprirsi completamente: “Non chiuderemo mai”

Il presidente Donald Trump parla durante un evento con studenti, insegnanti e amministratori su come riaprire in sicurezza le scuole il 7 luglio a Washington, DC. Chip Somodevilla / Getty Images

Il presidente Trump ha affermato che gli Stati Uniti “non chiuderanno, non chiuderemo mai”, mentre ha nuovamente spinto il paese a riaprire martedì.

“Siamo a 130 anni”, ha detto Trump in un evento sulla riapertura delle scuole, riferendosi agli oltre 130.000 americani che ora sono morti a causa del virus. “Penso che avremmo potuto essere 2 e mezzo o 3 milioni di persone”, ha detto.

“Abbiamo salvato letteralmente centinaia di migliaia di vite”, ha affermato il Presidente.

Trump stava rispondendo a un partecipante all’evento che stava sostenendo quella che sembrava un’immunità di gregge modificata. Ha parlato di proteggere “i vulnerabili”, spingendo al contempo “l’interazione che aiuta a ottenere quell’immunità” per gli altri.

“Ora siamo aperti”, ha detto Trump. “I più vulnerabili, capiamo chi ha il problema più grande, e guardiamo quel gruppo e quella fascia d’età, e anche le persone che non si sentono così bene.”

Ha detto che gli Stati Uniti hanno “fatto davvero bene” e ora è il momento di rimanere aperti, aggiungendo “spegneremo gli incendi man mano che si accendono ma dobbiamo aprire le nostre scuole”.

“Non stiamo chiudendo”, ha detto Trump. “Non chiuderemo mai.”

Ha continuato ad ammettere che alcuni posti “avranno difficoltà e faranno quello che devono fare”.

“Questo dipenderà in gran parte dai governatori”, ha detto, sottolineando la parola in gran parte, “ma è anche, sono in forte consultazione con noi”.

Trump all’inizio dell’evento ha detto che avrebbe fatto pressioni sui governatori affinché riaprissero le loro scuole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *