axelrod tsr 7/6/2020 vpx

Perché questa zona potrebbe segnare il destino di Trump del 2020

Dal 1972, ogni candidato GOP eletto presidente ha vinto il voto suburbano, in base al polling di uscita. Quello è Richard Nixon nel 1972, Ronald Reagan nel 1980 e 1984, George H.W. Bush nel 1988, George W. Bush nel 2000 e nel 2004 e, sì, Donald Trump nel 2016. (Trump ha battuto Hillary Clinton dal 49% al 45% tra gli elettori suburbani.)

(Sidebar: Mitt Romney nel 2012 è stato l’unico candidato presidenziale repubblicano a vincere il voto suburbano – dal 50% al 48% su Barack Obama – e perdere le elezioni).

Tale correlazione dovrebbe essere profondamente preoccupante non solo per Trump, ma per qualsiasi repubblicano in votazione proprio adesso.

Perché? Perché la rivolta contro Trump nei sobborghi, che era al centro della riconquista della maggioranza della Camera da parte dei democratici nella metà del 2018, sembra non mostrare segni di rallentamento.

Ha twittato David Wasserman, direttore della Camera del Cook Political Report, un foglietto illustrativo della campagna non partigiana:

“Cosa dovrebbe davvero spaventare l’uragano Rs: Trump sta trascinando Biden del 7-9% in più rispetto a quando ha perso il voto popolare nel 2016, ma perché ci sono così tanti nuclei urbani in cui Trump aveva poco spazio per cadere in primo luogo, il il calo è probabilmente ancora maggiore nei distretti suburbani “.

Ciò che Wasserman significa – in parole povere – è questo: Trump è dietro Joe Biden da qualche parte nel quartiere di 10-12 punti nella maggior parte dei sondaggi nazionali. Il che è molto di più dei 3 punti che ha perso il voto popolare contro Hillary Clinton – anche se ha vinto l’Electoral College (e la Casa Bianca) nel 2016.

E poiché Trump ha fatto tutto questo mentre veniva sommerso dalle aree urbane – Clinton lo ha battuto lì di 26 punti nel 2016 – La contesa di Wasserman (e ha ragione) è che l’ulteriore declino della posizione di Trump in una votazione elettorale generale contro Biden è quasi certamente il risultato di perdite nelle aree suburbane.

Un crollo di Trump in periferia – perderli di 5 punti o più – non gli costerebbe quasi sicuramente la Casa Bianca. Inoltre metterebbe gravemente a repentaglio qualsiasi repubblicano in un quartiere periferico della Camera o in una sede del Senato in uno stato con una grande popolazione suburbana.

Il punto: Perdi la periferia e Trump perde le elezioni. È così semplice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *