A un ritmo record, gli Stati Uniti colpiscono il disastro meteorologico del decimo miliardo di dollari dell'anno

A un ritmo record, gli Stati Uniti colpiscono il disastro meteorologico del decimo miliardo di dollari dell’anno

Le 10 tempeste hanno tormentato gli Stati Uniti con tornado, venti e grandine dannosi. Sette delle 10 tempeste si sono verificate nel sud o nel sud-est, inclusi tre focolai di tornado. Il solo scoppio della domenica di Pasqua ha visto 190 tornado lacerare in tutta la regione, uccidendo 36 persone.

Gli americani potrebbero vedere tempeste più gravi che mai, secondo Adam Smith, un climatologo del NOAA.

Dal 1980, gli Stati Uniti hanno registrato una media di quasi sette disastri meteorologici da sette miliardi di dollari all’anno. Ma gli ultimi cinque anni hanno visto in media quasi 14 tempeste gravi. Ci saranno più quest’anno se il ritmo attuale continua, secondo NOAA.

“La grande storia è il fatto che non siamo nemmeno arrivati ​​alla stagione degli uragani iperattivi, ampiamente prevista negli stati dell’Oceano Atlantico e dell’Oceano Golfo”, ha affermato Smith. “Non siamo nemmeno arrivati ​​alla stagione degli incendi nel West. Per la California, in particolare la California del Nord, l’Oregon e Washington, la stagione degli incendi potrebbe essere un’altra stagione forte.”

Poiché il Sud si sta ancora riprendendo dalle catastrofi da un miliardo di dollari all’inizio di quest’anno, si teme che la regione possa essere particolarmente vulnerabile a una stagione degli uragani attiva.

Con gran parte degli Stati Uniti attualmente in fase di siccità, gli incendi stanno diventando una delle maggiori preoccupazioni. Gli incendi hanno devastato il paese negli ultimi anni. Il Camp Fire 2018, l’incendio più letale e più distruttivo della storia della California, ha bruciato oltre 150.000 acri e ucciso almeno 85 persone.
L’anno precedente, l’uragano Harvey ha causato danni catastrofici a Houston e alle coste del Texas e della Louisiana quando è caduto a terra come una tempesta di categoria 4.

“L’ultima cosa che vogliamo è avere un altro tipo di anno 2017 o 2018 in autunno, dove abbiamo questi uragani e incendi storicamente dannosi e costosi. E c’è un potenziale per questo”, ha detto Smith.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *