Huawei 5G TV

Il Regno Unito vieta Huawei dalla futura rete 5G; Il gigante tecnologico cinese reagisce

Huawei 5GHuawei

In una grande inversione a U, martedì il governo britannico ha annunciato il divieto di acquistare nuovi kit Huawei per il 5G dal prossimo anno e ha dichiarato che le apparecchiature del colosso cinese delle telecomunicazioni saranno completamente rimosse dalle reti 5G entro la fine del 2027.

La decisione arriva a seguito di nuovi consigli forniti dal National Cyber ​​Security Center (NCSC) sull’impatto delle sanzioni statunitensi contro il fornitore di telecomunicazioni.

La decisione è stata presa in una riunione del Consiglio di sicurezza nazionale (NSC) presieduto dal primo ministro britannico Boris Johnson, in risposta alle nuove sanzioni statunitensi.

Questi sono stati imposti a Huawei a maggio, dopo la decisione iniziale del Regno Unito su venditori ad alto rischio, e sono i primi nel loro genere, rimuovendo l’accesso dell’azienda a prodotti che sono stati costruiti sulla base della tecnologia dei semiconduttori degli Stati Uniti.

Gli esperti tecnici della NCSC hanno esaminato le conseguenze delle sanzioni e hanno concluso che la società dovrà effettuare una grande riconfigurazione della sua catena di approvvigionamento in quanto non avrà più accesso alla tecnologia su cui si basa attualmente e non ci sono alternative di cui dispone fiducia in.

Hanno scoperto che le nuove restrizioni rendono impossibile continuare a garantire la sicurezza delle apparecchiature Huawei in futuro.

Di conseguenza, i ministri hanno convenuto che gli operatori del Regno Unito dovrebbero interrompere l’acquisto di apparecchiature Huawei interessate dalle sanzioni.

“A seguito delle sanzioni statunitensi contro Huawei e dei consigli tecnici aggiornati dei nostri esperti informatici, il governo ha deciso che è necessario vietare Huawei dalle nostre reti 5G”, ha dichiarato il segretario digitale del Regno Unito Oliver Dowden in una nota.

“Nessun nuovo kit sarà aggiunto a partire dal gennaio 2021 e le reti 5G del Regno Unito saranno Huawei gratuite entro la fine del 2027. Questa mossa decisiva fornisce al settore la chiarezza e la certezza di cui ha bisogno per ottenere la consegna del 5G in tutto il Regno Unito.”

huawei, telefoni huawei, smartphone huawei, smartwatch huawei, amministratore delegato huawei tichard yu, relazione annuale huawei

I visitatori passano davanti allo stand di Huawei durante il Mobile World Congress di Barcellona, ​​in Spagna, il 27 febbraio 2017.File Reuters

Huawei afferma che sono “cattive notizie”

Huawei ha definito la decisione “cattive notizie per chiunque nel Regno Unito con un telefono cellulare”.

“Minaccia di spostare la Gran Bretagna nella corsia lenta digitale, aumentare le bollette e approfondire il divario digitale. Invece di” salire di livello “, il governo si sta livellando e li invitiamo a riconsiderare. Restiamo fiduciosi che le nuove restrizioni statunitensi non lo farebbero hanno influito sulla resilienza o sulla sicurezza dei prodotti che forniamo nel Regno Unito “, ha affermato Edward Brewster, portavoce di Huawei UK.

“Purtroppo il nostro futuro nel Regno Unito è diventato politicizzato, si tratta della politica commerciale degli Stati Uniti e non della sicurezza. Negli ultimi 20 anni, Huawei si è concentrata sulla costruzione di un Regno Unito meglio connesso. Come azienda responsabile, continueremo a supportare i nostri clienti come abbiamo sempre fatto.

“Condurremo una revisione dettagliata di ciò che l’annuncio di oggi significa per la nostra attività qui e lavoreremo con il governo del Regno Unito per spiegare come possiamo continuare a contribuire a una Gran Bretagna meglio connessa”, ha detto Brewster.

Il governo britannico cercherà ora di legiferare quanto prima con una nuova legge sulla sicurezza delle telecomunicazioni per mettere in atto i poteri necessari per attuare questo nuovo e rigido quadro di sicurezza delle telecomunicazioni.

Darà al governo i poteri di sicurezza nazionali per imporre questi nuovi controlli ai venditori ad alto rischio e creare ampi compiti di sicurezza per gli operatori di rete al fine di aumentare gli standard.

(Con input da IANS)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *