TSMC cammina sul filo del rasoio tra Stati Uniti e Cina mentre Intel resta indietro

TSMC cammina sul filo del rasoio tra Stati Uniti e Cina mentre Intel resta indietro

Ci sono solo tre aziende in grado di produrre chip super-avanzati nel mondo: Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC), Intel con sede in California e Corea del Sud Samsung. La produzione di chip all’avanguardia è rara e specializzata perché è incredibilmente costosa continuare a competere ai massimi livelli.

Questa settimana, TSMC (TSM) le azioni sono salite a nuove altezze a Taiwan dopo Intel (INTC) ha avvertito che era in ritardo sulla produzione di chip a 7 nanometri e potrebbe esternalizzarne la produzione. I chip avanzati possono archiviare ed elaborare ulteriori informazioni. Una dimensione nanometrica più piccola significa un chip più avanzato.
TSMC è il candidato più probabile dell’azienda statunitense potrebbe chiedere aiuto. Samsung (SSNLF) sta producendo chip a 7 nanometri, ma la sua attività manifatturiera è piccola rispetto a TSMC. Inoltre produce principalmente chip di memoria, mentre Intel ha bisogno di aiuto nella produzione di chip di elaborazione avanzati.

La battuta d’arresto di Intel probabilmente non comporterà il suo destino. La società ha guidato l’industria dei semiconduttori per anni e probabilmente arriverà a produrre 7 nanometri a livelli commerciali “in tempi abbastanza brevi”, secondo Bret Swanson, in visita presso l’American Enterprise Institute, un think tank con sede a Washington.

Ma i successi di TSMC in questo momento – e la sua posizione di principale fornitore globale di chip – la rendono un’azienda estremamente importante in un momento critico. Gli Stati Uniti e la Cina sono bloccati in una battaglia per chi può sviluppare più rapidamente le tecnologie del futuro ed entrambi i paesi hanno collaborazioni con TSMC per fornire loro i chip di cui hanno bisogno per alimentare tecnologie avanzate come l’intelligenza artificiale, il 5G e il cloud computing .

Il TSMC copre le tensioni con gli Stati Uniti, ma rischia di irritare la Cina

La compagnia sta inoltre spendendo grossi soldi per mantenere quelle relazioni. TSMC ha annunciato all’inizio di quest’anno che sta costruendo un impianto di produzione da $ 12 miliardi in Arizona che sarà in grado di produrre chip da 5 nanometri entro il 2024. L’annuncio è stato una vittoria per l’amministrazione Trump, che vuole avere capacità di produzione di chip più avanzate negli Stati Uniti Stati, per assicurare le catene di approvvigionamento per i chip utilizzati in applicazioni civili militari o sensibili.

Ma il fatto che TSMC stia aiutando gli Stati Uniti a rafforzare le proprie capacità di produzione di chip potrebbe sconvolgere la Cina. TSMC ha investito miliardi di dollari in impianti di produzione nella Cina continentale. Dovrebbero Pechino si vendica contro TSMC e Taiwan, ciò avrebbe come minimo gettato i mercati in subbuglio.

“Vi è stata preoccupazione a Taiwan per il potenziale di Pechino di nazionalizzare i fabbri TSMC [plants that fabricate chips] a Nanchino e Shanghai “, ha affermato Paul Triolo, responsabile della politica tecnologica globale del Gruppo Eurasia.

Mentre la Cina non ha mai controllato Taiwan, il governo comunista considera l’isola autonoma parte integrante del suo territorio. La Cina è irta ogni volta che gli Stati Uniti hanno impegni diplomatici con Taiwan. Ufficialmente, Washington ha solo relazioni diplomatiche con Pechino.

È improbabile che subentrino gli impianti della Cina continentale di TSMC, interamente di proprietà, ha affermato Triolo. “Sarebbe un’enorme escalation e un duro colpo per la comunità imprenditoriale. Non è chiaro cosa questo comporterebbe per Pechino se non per i lati negativi negativi”, ha aggiunto.

Ciò che la Cina potrebbe fare è cercare di convincere TSMC a costruire un impianto di fascia alta sulla terraferma. Gli attuali impianti TSMC di Nanchino e Shanghai utilizzano una tecnologia meno avanzata. I fab più avanzati dell’azienda sono a Taiwan e l’Arizona sarebbe il primo impianto all’estero su larga scala, secondo contrastare la ricerca.

“Pechino potrebbe affermare che se TSMC è disposto a farlo [build] fab avanzato in Arizona, dovrebbe essere disposto a fare lo stesso in Cina “, ha detto Triolo.

La lunga campagna di pressione di Washington contro Huawei sottolinea quanto la Cina abbia bisogno di ridurre la sua indipendenza dai produttori di chip stranieri.

Le ultime sanzioni statunitensi annunciate a maggio hanno tagliato i cinesi produttore di telecomunicazioni fuori da TSMC. Anche se TSMC è un’azienda taiwanese, si basa sulla tecnologia americana per produrre chip. Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha dichiarato che TSMC e altri produttori di chip che utilizzano la tecnologia statunitense dovrebbero ora richiedere una licenza per esportare prodotti su Huawei e la sua sussidiaria di chip HiSilicon. È molto probabile che tali applicazioni vengano negate, dato che Washington vuole mantenere gli equipaggiamenti Huawei fuori dalle reti globali 5G.

Oltre alla geopolitica, c’è anche la geografia. Taiwan è il primo esportatore mondiale di semiconduttori e la catena di fornitura globale necessita di maggiori capacità di produzione di chip sparse in tutto il mondo.

TSMC è il più grande produttore mondiale di chip. Le aziende piace Mela (AAPL), Amazon (AMZN AMAZON), Qualcomm (QCOM)e Nvidia (NVDA)possono progettare chip avanzati, ma non hanno le costose capacità di produzione di TSMC per costruirli. Sono produttori di chip “fabless”.

Sebbene Intel sia in grado di progettare e fabbricare i propri semiconduttori, può passare a TSMC solo quando rimane indietro su chip all’avanguardia.

La concentrazione di una capacità produttiva di semiconduttori così avanzata su una piccola isola appena al largo della Cina continentale è sempre stata una preoccupazione per la catena di approvvigionamento, secondo Swanson, dell’American Enterprise Institute. “E se ci fosse uno tsunami a Taiwan?” Egli ha detto.

Ciò pone nuovamente TSMC in una posizione molto forte. “L’Occidente probabilmente vorrebbe aiutare a proteggere Taiwan non solo dal punto di vista geopolitico, ma grazie a questa abilità tecnica e capacità tecnica”, ha affermato Swanson.

La Cina è molto indietro quando si tratta di produrre chip

Taiwan ha condiviso il suo know-how tecnico con la Cina. Nel corso degli anni, centinaia di migliaia di ingegneri di Taiwan sono andati sulla terraferma per aiutare a sviluppare l’industria cinese dei semiconduttori, che Swanson nota ha “fatto passi da gigante negli ultimi due decenni”.

Nonostante l’enorme supporto interno, i semiconduttori rimangono un collo di bottiglia della tecnologia chiave per la Cina.

Semiconductor Manufacturing International Corporation (SMIC), il più grande produttore di chip del paese, rimane bloccato da tre a cinque anni dietro i leader del settore Intel, Samsung e TSMC, secondo Triolo, del Gruppo Eurasia.

La Cina sta investendo miliardi nel chipmaking per colmare il divario con i suoi concorrenti globali

SMIC sta attualmente producendo chip da 10 nanometri, mentre i migliori giocatori stanno già producendo chip da 7 nanometri e stanno correndo per passare a chip da 5 nanometri e infine 3 nanometri.

Per produrre chip a 7 nanometri, tuttavia, le aziende devono accedere a una macchina per litografia a ultravioletti estremi (EUV). Tali macchine sono in grado di produrre schemi complessi su chip all’avanguardia. Sono anche molto difficili da utilizzare, motivo per cui Intel ha problemi a produrre chip da 7 nanometri per la produzione commerciale, secondo Triolo.

Il problema per SMIC è che gli Stati Uniti stanno facendo pressione sui Paesi Bassi affinché blocchino la vendita di apparecchiature EUV a SMIC da parte della società olandese ASML, ha affermato Triolo. La tecnologia è progettata da ASML, ma include notevoli quantità di proprietà intellettuale degli Stati Uniti.

La situazione geopolitica potrebbe cambiare. Ma dato il tempo necessario per padroneggiare EUV, qualsiasi grande ritardo spingerebbe l’ingresso commerciale di SMIC nei chip più avanzati di oggi nel 2023, ha detto Triolo, e da allora i leader del settore saranno molto avanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *